Logo

BellusSì, il Blanc de Noir di Bellussi  L’azienda di Valdobbiadene ha rilanciato il suo celebre spumante brut: è nato BellusSì, un vino iconico nella forma e nel contenuto.

Bellussi, cantina di Valdobbiadene (TV) vocata alla produzione di spumanti, ha deciso di rilanciare il Cuvèe Prestige, uno dei suoi prodotti punta. È nato così BellusSì. Non solo un vino, ma un’azione di rebranding caratterizzata da un nome originale e memorabile, rafforzato da quel “sì” finale che non è solo un’affermazione, ma anche un invito alla positività.

BellusSì è uno spumante brut secco, fragrante e di buona struttura, adatto per tutte le occasioni, e ottenuto da uve Pinot Nero selezionate e raccolte manualmente. La vinificazione, effettuata in bianco con una parziale macerazione a freddo e una pressatura soffice, è seguita da un’attenta e lunga spumantizzazione che conferisce a BellusSì un chiaro color giallo con riflessi ramati.

E anche la famosa etichetta è stata completamente ripensata: i colori simbolo del prodotto, il nero e il rosso acceso, sono stati mantenuti, ma ora queste tonalità mettono in evidenza il “sì” dorato. L’iconica bottiglia presenta ora un look contemporaneo, audace.

«Abbiamo scelto – afferma Enrico Martellozzo, che con i figli Francesca e Giovanni è a capo dell’azienda – di far diventare marchio il nome della nostra cantina. Una scelta dettata dalla piena consapevolezza che alle spalle ci sono ingredienti come qualità, lavoro, territorio e sentimento».

Scheda tecnica di BellusSì

  • VINO: BLANC DE NOIR Vino spumante brut
  • COLORE: Giallo scarico con riflessi ramati
  • VITIGNO: 100% Pinot Nero
  • ZONA DI PRODUZIONE: Zone viticole di Oltrepò Pavese
  • SUOLO: Argilloso calcareo
  • CLIMA: Mediterraneo – fresco
  • VINIFICAZIONE: Pinot Nero in bianco con pressatura soffice
  • SPUMANTIZZAZIONE: Metodo Charmat da 120 a 180 giorni
  • ABBINAMENTI: È un vino versatile, adatto ad ogni occasione, ideale come aperitivo e perfetto da servire con piatti freddi, crudi.


L’azienda è da sempre sensibile all’impiego dei solfiti, per questo ne utilizza solamente circa il 50% del limite concesso.

lavocedellazio.it C.F. 97687960598 autorizzazione tribunale di Velletri n 17/2012 Redazione: redazione@lavocedellazio.it | Direttore responsabile: Marialuisa Roscino - direttore@lavocedellazio.it | Webmaster: Michele Bortone - webmaster@lavocedellazio.it