Pasqua 2019 la non-pastiera di Grezzo è omaggio o provocazione?

Ricerca e innovazione per una Pasqua all’insegna del piacere sano

Certe tradizioni, per alcuni, non dovrebbero essere messe in discussione, anzi, dovrebbero essere protette, conservate il più a lungo possibile. Sembra che non sia così per Nicola Salvi, fondatore di Grezzo Raw Chocolate che per la Pasqua 2019 presenta la Non-Pastiera, un dolce sfacciatamente ispirato alla versione tradizionale ma con cui, in effetti, non condivide nulla, ma proprio neanche un ingrediente.

Perché allora chiamarlo così? La risposta direttamente dalle sue parole:

“La Pastiera è un dolce tradizionale straordinario ma, purtroppo, non più adatto all’alimentazione di oggi e del futuro. Un concentrato di latticini, zuccheri e carboidrati semplici, calorie a scarso valore aggiunto se non addirittura, come le chiamano spesso i nutrizionisti, “vuote”. Una certa fetta della popolazione cerca soluzioni diverse, più sane, più sostenibili all’interno di una dieta funzionale, adatte ad una serie di scelte alimentari obbligate o volute, perché no, anche più sostenibili dal punto di vista ambientale.
Abbiamo negozi eleganti e sobri dove potersi ritagliare un momento di serenità, riflessione, attenzione e cura, e dolci dalle qualità straordinarie, semplicemente irraggiungibili da qualsiasi dolce realizzato con le tecniche di pasticceria tradizionali.
La pasticceria crudista offre un’esperienza superiore.”

La Non-Pastiera Versione 2019 è realizzata completamente a freddo utilizzando esclusivamente ingredienti biologici. La base è composta da mandorle, avena, cacao crudo, zucchero di cocco e alghe, interamente modellata a mano.

Un mix di ingredienti equilibrato e nutriente, dove il mix di cacao crudo e mandorle naturali fornisce un set di anti-ossidanti completo per ostacolare l’invecchiamento cellulare. L’unione di avena e zucchero di cocco genera un forte rallentamento nell’assorbimento degli zuccheri, rendendo questo dolce a basso indice glicemico.
Nella crema abbiamo noci di macadamia, anacardi, agave, scorze di arancia e di limone, polpa di cocco e burro di cacao. Un mix di grassi buoni, nutrienti e protettivi soprattutto del sistema circolatorio, tutti al naturale e non trattati.
La copertura è realizzata con un fondente di cioccolato crudo al 73% con appena il 13% di zucchero di cocco.
 Il cioccolato crudo è ottenuto da fave di cacao non tostate ma solamente essiccate naturalmente al sole e macinate lentamente a pietra. Un procedimento che permette di ottenere qualità nutrizionali da record: il cioccolato crudo contiene contiene fino a 5 volte più anti-ossidanti del cioccolato tradizionale, 30 volte rispetto ai mirtilli e 50 volte rispetto al vino rosso (Fonte: tabelle ORAC).

Tutti gli ingredienti sono biologici, una scelta integralista di Grezzo. Secondo Nicola Salvi:
“Viviamo in una società con un livello di inquinamento mai sperimentato prima dall’uomo e tendiamo a sottovalutarlo. Pensiamo solo allo smog generato dalle auto, ma in realtà le fonti di “disturbo” sono molte di più. Includo campi elettromagnetici, come quelli dei cellulari, e, sicuramente, i residui chimici presenti negli alimenti e negli allevamenti. Occorre una inversione di rotta perché la crescita dell’inquinamento è insostenibile sia per l’organismo umano che per l’ambiente. Grezzo ha scelto di porre la massima attenzione alla sua impronta umana e ambientale.
Gli ingredienti biologici sono l’unica risposta possibile alle sfide del futuro. Non hanno residui chimici, vengono coltivati nel rispetto del terreno e dell’ambiente, hanno qualità nutrizionali superiori.”

La Non-Pastiera di Grezzo è un dolce a tiratura limitata, disponibile solo nel periodo pasquale.