Sen. Fiammetta Modena(FI) : "Morra dimettiti. Sei andato oltre ogni limite".

"Ci sono dei passi che non si possono compiere, delle porte che non si devono aprire, dei pensieri che non devono essere formulati. Eppure questo limite umano e politico Nicola Morra lo ha oltrepassato - lo afferma Fiammetta Modena, senatrice di Forza Italia e membro della Commissione giustizia di Palazzo Madama- il limite del rispetto per il nemico che non c’è più. Del nemico venuto a mancare, portato via dalla morte.

A dire il vero quando Nicola Morra è intervenuto durante la commemorazione di Iole Santelli in un’aula scossa, al Senato, a quel limite si era già pericolosamente avvicinato. Ma non lo aveva oltrepassato, rifugiando il suo ragionamento dietro lo schermo dei tumori femminili e del diritto alla salute delle donne in Calabria. La cupezza dell’Aula non consentiva errori o fraintendimenti.
Ieri , invece , nel burrone più nero c’è caduto, sbattendo la testa due volte. La prima perché ha leso una persona che non è più tra noi e non può rispondere, la seconda perché ha accusato i calabresi di aver votato in massa una donna malata di cancro.
Stupidità, insipienza, inadeguatezza: non finiremo mai di cercare sostantivi o aggettivi adatti a descrivere la miseria delle parole di Morra
Presidente della commissione antimafia , ha solo una scelta oggi: quella di - aggiunge Fiammetta Modena - gli incarichi istituzionali in un sussulto di dignità per il ruolo ricoperto. A volte un politico deve andarsene per difendersi dalle accuse o dagli scandali. Morra no, deve andarsene perché i morti riposano in pace. E questa pace non la può turbare nessuno, lui compreso".