Ciampino Con l'approvazione in Giunta della Delibera 161, dopo un decennio si conclude la vicenda delle 167 di Colle Oliva.

"Voglio rammentare a tutti – ha commentato il Sindaco di Ciampino, Daniela Ballico - che questo intervento fu causato dalla scelta di collocare su un'area vincolata dietro lo storico portale delle Mura dei Francesi e sopra l'Antica Villa di Messalla un intervento residenziale. Anche l'area scelta a Colle Oliva aveva problemi di vincoli. Questo il motivo per cui oggi l'Amministrazione è costretta a farsi carico di finanziare gli interventi per opere aggiuntive che scaturiscono da vincoli sopravvenuti per circa 175.000 euro".

"Sono soddisfatta di aver sbloccato una questione ferma ormai da troppo tempo. Ciampino merita di più e con la nostra azione di governo lo stiamo dimostrando ogni giorno. Lavoriamo per i problemi delle persone sul territorio, e stiamo dando risposte concrete! Questo è il nostro modo di rispondere alle chiacchiere ed all'assenza delle passate amministrazioni".

"Ci siamo trovati – afferma l'Assessore ai LL.PP. Francesco Tafuro - a dover dirimere un'annosa questione, paralizzata dall'assenza delle amministrazioni passate. Gli interventi riguarderanno le opere di urbanizzazione, secondo lo schema previsto dai progetti approvati: dall'impianto idrico, fognario ed alle vasche di laminazione, ed agli interventi sul verde pubblico, i parcheggi e la viabilità. Previsto anche un intervento per migliorare il collegamento al collettore".

"Contestualmente alla ripresa del piano di zona Colle Oliva – ha aggiunto il Sindaco Ballico – mi auguro di poter avviare un confronto con la Curia, in relazione al posizionamento della nuova Chiesa del quartiere Acqua Acetosa all'interno dell'area della 167 di Colle Oliva".
"La nostra Amministrazione – ha concluso il Primo cittadino – ha portato a termine il proprio impegno in tempi rapidissimi. Auspico che da questo momento ognuno faccia la sua parte per completare i lavori nel minor tempo possibile. Ritengo di poter pretendere altrettanta rapidità nel realizzare quanto di propria competenza dal Consorzio di Colle Oliva".
"Concludo con un ringraziamento ai nostri uffici, in particolare all'Architetto Maria Pelella".