Biodivercity all'Auditorium Parco della Musica dal 10 giugno al 28 settembre

E’ stato inaugurato oggi presso l’area pedonale dell’Auditorium Parco della Musica, “BIODIVERCITY” l’intervento di arte pubblica voluto dalla Fondazione Musica per Roma in collaborazione con il Festival del Verde e del Paesaggio, ideato dall’artista Ciriaco Campus, visitabile fino al 28 settembre. 

Biodivercity è un’installazione di 1000 mq che coniuga arte, natura e architettura, aperta a tutti e pensata per questo spazio. Una città pulsante, da scoprire e da abitare. Il frutto di un dialogo fra l’artista e la sua città ideale che trova il centro nel concetto di diversità, quale pensiero etico di positività in cui ogni essere vivente è capace di dare il meglio di sé. L’uomo con la sua creatività e la natura con tutte le sue forme viventi

“Questo progetto – commenta Daniele Pitteri, Amministratore Delegato della Fondazione Musica per Roma - segna l’inizio di un percorso che la Fondazione vuole portare avanti nei prossimi anni di raccordo con il territorio e con le comunità che qui vivono. Per tutta l’estate i romani e non solo potranno passeggiare, attraversare e scoprire l’area antistante l’Auditorium da un’altra prospettiva.  L’obiettivo è quello di migliorare il contesto urbano e offrire più verde a tutte le famiglie che passano di qui. È stato da sempre l’obiettivo anche dell’architetto Renzo Piano che quando ideò l’Auditorium lo immaginò come luogo d’incontro per condividere valori di bellezza”.

“BIODIVERCITY” è una vera e propria città in cui perdersi, che interrompe la prospettiva vuota dell’asfalto dell’area pedonale e la trasforma in un luogo d’incontro, di passaggio, di interazione, di sosta e di condivisione. In un giardino vero e proprio insomma, in cui vivere ed esprimersi liberamente senza discriminazioni ed esclusioni e in cui sepimentare nuove forme di convivenza e ibridazione ricche di nutrimenti reciproci

È un linguaggio fatto di segni che raccontano un’ordinarietà evoluta, un quotidiano visivamente riconoscibile che si compone con i dettagli di opere dell’arte contemporanea, le viste ravvicinate delle architetture dei grattacieli, le varietà multiformi delle piante.

L’Auditorium conferma così la sua vocazione di avamposto culturale e sceglie di utilizzare nuovi linguaggi, riempire nuovi vuoti e creare luoghi per la gente, proponendo l’arte all’aperto, negli spazi pubblici. 

UNA CITTA’ DA SCOPRIRE TRA OPERE D’ARTE E PIANTE PROVENIENTI DA TUTTO IL MONDO 

Il visitatore è guidato dalle texture architettoniche di grattacieli e dai particolari di 27 opere – da Pollock a Fontana, da Buren a Kusuma – che creano piccoli “appezzamenti” di creatività e suggeriscono percorsi di visita e di esplorazione. Le forme e i colori delle piante - provenienti da luoghi lontanissimi, dai nostri boschi, dalla macchia mediterranea – e scelte dall’architetto del paesaggio Luca Catalano, tracciano lo skyline di questa città immaginaria.

All’ombra dei grandi lecci, la piazza di BIODIVERCITY accoglie e amplifica incontri e relazioni.

Per il festival Libri Come si svolgeranno i seguenti appuntamenti: 

Venerdì 17.00 

Agricoltura urbana 

Coltivare la città. Storia sociale degli orti urbani del XX secolo – di Franco Panzini – Derive Approdi 

L’autore ne parla con Andrea Di Salvo

Sabato 17.00

Paesaggio 

Italie – viaggio nelle trasformazioni paesaggistiche del Bel Paese a cura di Bianca Maria Rinaldi – Società Editrice Il Mulino 

L’autrice ne parla con Laura Bianchi

Sabato 18.30

Letteratura 

La poesia degli alberi. Un’antologia di testi su alberi, arbusti e qualche rampicante - di Mino Petazzini (Luca Sossella Editore) 

L’autore ne parla con Luca Sossella  

Domenica 17.30

Autofiction

Fiction! Dodiciraccontibrevi – di Franco Zagari – Mancosu Editore

L’autore ne parla con Annalisa Metta e Gianni Celestini

Si ringrazia

Apa Affissioni, partner del progettoche ha realizzato la pedana e i totem-palazzi.

Sol.Pre.A per la fornitura delle panchine.

Vittorio Guida per la fotografia da cui è tratta la faccia di King Kong che ci sorprende dietro la finestra di un grattacielo.

Le piante sono fornite da Torsanlorenzo Gruppo florovivaistico.

Ciriaco Campus nasce a Bitti (Nu). Il suo è un lavoro lungo, complesso, variegato, eppure coerente. Si sviluppa su strade diverse che si incrociano continuamente sui temi sociali, sui temi della serialità, della messa in scena, del vero/falso. Ha insegnato Scultura nell’Accademia di belle Arti a L’Aquila, Milano, Napoli, Roma e Sassari. Vive e lavora a Roma.


INFO BIODIVERCITY

Viale de Coubertin

Auditorium Parco della Musica

Tutti i giorni dal 10 giugno al 28 settembre