Femidon (profilattico femminile) Dr.ssa Agnese Eleuteri

Il Femidom (profilattico femminile) è uno strumento di prevenzione dell'HIV e delle altre malattie sessualmente trasmesse che può essere utilizzato dalle donne.

Benché in Italia sia difficile da reperire e assolutamente assente dai consultori ginecologici, questo profilattico è disponibile nelle farmacie e nei consultori di molti paesi: in Brasile, per esempio, il governo lo distribuisce gratuitamente a tutte le donne che ne facciano richiesta; in Francia il governo, sollecitato dalle associazioni, ha lanciato una campagna specifica su questo prodotto e lo ha reso disponibile a prezzi accessibili. In Italia, invece, lo si può acquistare o ordinare in alcune farmacie, via internet, oppure nei sexyshop,

Cos'è?
Il preservativo femminile è una guaina trasparente in nitrile sintetico che, introdotta nella vagina prima del rapporto, forma una barriera tra gli organi genitali dei due partner, garantendo protezione da gravidanze indesiderate e malattie a trasmissione sessuale.Il materiale con cui è realizzato fa sì che sia più resistente dei condom maschili in lattice, che non provochi reazioni allergiche e che si riveli compatibile sia con i lubrificanti a base acquosa sia con quelli a base oleosa. Usato correttamente, ha la stessa efficacia degli altri metodi contraccettivi e non presenta effetti collaterali o rischi.
Perché usarlo?
A parte l'efficacia nella prevenzione delle gravidanze indesiderate e delle malattie sessualmente trasmissibili, c'è un altro, fondamentale motivo per decidere di usare il preservativo femminile. Si tratta della libertà di scelta.
Il preservativo femminile, infatti, costituisce un'ulteriore opzione per le donne che intendano gestire in prima persona la propria salute sessuale. È la donna, cioè, a decidere in piena autonomia quale protezione adottare, senza dipendere dall'uomo e dalla sua eventuale riluttanza a indossare il profilattico. Una conquista importante, che rende indipendenti le donne nel vivere serenamente la loro vita sessuale.
In sintesi:
• È una guaina in poliuretano, lunga quanto un preservativo maschile (17 centimetri), ma più larga e con un anello flessibile a entrambe le estremità
• Rappresenta un'estesa barriera a protezione di vagina, cervice e genitali esterni
• Previene le gravidanze indesiderate e le malattie a trasmissione sessuale
• È lubrificato con un prodotto a base siliconica, ma possono essere utilizzati ulteriori lubrificanti sia a base acquosa che oleosa
• Non richiede prescrizione medica
• Non deve esse utilizzato insieme al preservativo maschile: può esserci rischio di rottura
• Può essere inserito anche qualche ora prima del rapporto sessuale e quindi non ne interrompe la spontaneità
• Non è necessario rimuoverlo subito dopo il rapporto
• Si utilizza una sola volta
• Non è vincolato all’erezione
• Il poliuretano è una materia plastica più resistente del lattice, inodore, usata anche per realizzare alcuni preservativi maschili; essendo un ottimo conduttore di calore, non sottrae naturalezza e sensualità al rapporto;
• Non provoca reazioni allergiche
• L'anello interno serve per inserire il preservativo femminile e, scivolando dietro l'osso pubico, gli permette di restare in posizione corretta
• Il morbido anello esterno rimane fuori dalla vagina durante il rapporto sessuale, ma può scivolare leggermente all'interno per non essere visibile e non ostacolare le stimolazioni manuali.
Il preservativo femminile, infatti, costituisce un'ulteriore opzione per le donne che intendano gestire in prima persona la propria salute sessuale.

 

La donna, infatti può in questo modo decidere in piena autonomia quale protezione adottare, senza dipendere dall'uomo e dalla sua eventuale riluttanza a indossare il profilattico. Una conquista importante, che rende indipendenti le donne nel vivere serenamente la loro vita sessuale.
Per chiarimenti e approfondimenti :
Dr. ssa A. Eleuteri, psicologa, sessuologa
Studio Medico,Pomezia via Roma 139 tel 06.910.70.50
 

e-max.it: your social media marketing partner