Roma – Controlli dei carabinieri contro i reati predatori. In manette 5 persone.

I Carabinieri della Compagnia Roma San Pietro nel corso di mirati servizi di controllo, volti a prevenire i reati predatori ai danni di cittadini, turisti e esercizi commerciali, hanno arrestato in due distinte attività, 5 persone, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, con l’accusa di furto e tentato furto aggravato in concorso.

I Carabinieri del Nucleo Operativo, dopo aver individuato un gruppetto di 3 giovani nomadi, una 18enne e due 20enni, già note per i loro precedenti, hanno deciso di pedinarle a distanza per monitorare i loro movimenti. Infatti sono state notate dai militari, aggirarsi tra i vari gruppi di turisti presenti nell’area di San Pietro e Ottaviano. Dopo aver agganciato alcuni turisti stranieri, si sono posizionate in modo coordinato, 2 ai lati della vittima, quasi a contatto per impedirle di accorgersi di quanto le stava accadendo, mentre la terza si è posizionata alle spalle. Con una mossa fulminea è riuscita ad infilare la mano nella borsa e ad estrarne il portafoglio, per poi riporlo di nuovo al suo interno dopo aver notato i militari avvicinarsi. Le 3 sono state immediatamente bloccate e la vittima, una cittadina colombiana, a Roma per turismo, che non si era ancora resa conto di nulla è stata informata dei fatti dai Carabinieri intervenuti.

Nel pomeriggio, in viale Vaticano, i Carabinieri della Stazione di Roma San Pietro hanno arrestato due persone, entrambi romani di 18 e 30 anni, per furto aggravato, al termine di un breve inseguimento. I due infatti, dopo aver rotto il deflettore sinistro di una vettura parcheggiata in via dei Cavalleggeri, in uso ad una famiglia di turisti messicani, sono penetrati al suo interno e hanno sottratto dei bagagli per poi fuggire. Individuati dai Carabinieri sono stati bloccati all’altezza di viale Vaticano e arrestati. La refurtiva è stata recuperata interamente e riconsegnata ai turisti.

Tutti gli arrestati sono stati accompagnati in caserma e successivamente su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, ricondotti presso le rispettive abitazioni in regime degli arresti domiciliari. In mattinata sono stati prelevati e condotti presso le aule di piazzale Clodio, dove, al termine dell’udienza gli arresti sono stati convalidati.