Discoteche non autorizzate, verifiche a tappeto della Polizia Locale: scattate le chiusure per due locali sulle rive del Tevere e nel quartiere Trieste.

Altri due locali sono stati chiusi da parte della Polizia Locale di Roma Capitale per violazione  delle norme di contenimento dell'emergenza epidemiologica che prevedono la sospensione dell'attività di discoteca. Dopo gli interventi dello scorso fine settimana, che avevano portato alla chiusura di due pubblici esercizi al Colosseo e ad Ostia, ieri sera i caschi bianchi hanno proseguito con una mirata attività di vigilanza su tutto il territorio capitolino per verificare il rispetto delle misure atte a tutelare la salute collettiva. 
 
Nel corso dei controlli nella zona compresa tra Ponte Milvio e il Foro Italico, gli agenti sono intervenuti in un noto locale, lungo le rive del Tevere, dove circa 700 persone stavano ballando, in spregio alle disposizione anti-Covid: oltre le sanzioni previste, scattata la chiusura per 5 giorni.
Medesimo provvedimento eseguito nei confronti di un' altro pubblico esercizio sito nel quartiere Trieste. Qui, era in corso una festa con attività danzante alla presenza di circa una centinaio di persone. Ulteriori accertamenti di natura amministrativa sono tuttora in corso.