Carabinieri denunciano tre persone che truffavano case d’asta. Sequestrate opere del valore di circa 400.000 euro e assegni privi di copertura economica.

I Carabinieri del Comando Roma Piazza Venezia, coadiuvati dai Carabinieri dell’8° Reggimento “Lazio” e dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, hanno dato esecuzione ad alcune perquisizioni locali e personali, delegate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Roma, nei confronti di 3 persone alle quali è stato contestato il reato di concorso in truffa aggravata e, per uno dei tre, di sostituzione di persona.
Il provvedimento emesso ha sposato pienamente l’ipotesi accusatoria prospettata dal Carabinieri del Comando Roma Piazza Venezia, avanzata sulla scorta delle risultanze investigative comprovanti un grave quadro indiziario nei confronti dei prevenuti, responsabili, a vario titolo, dei reati ascritti.
Le attività investigative, condotte in tempi rapidissimi sotto la direzione della Procura romana, hanno permesso di individuare un sodalizio composto da tre cittadini italiani specializzato in truffe ai danni di case d’asta, emettendo assegni che risultavano, al momento in cui venivano posti all’incasso, privi di alcuna copertura economica.
Nel corso delle operazioni, i Carabinieri hanno rinvenuto, oltre alla totalità dei beni dal prezioso valore artistico ed economico fino a quel momento indebitamente ottenuti dalle case d’asta, anche altri assegni che sarebbero stati presumibilmente utilizzati per commettere ulteriori illeciti della medesima natura.
Nello specifico, oltre ad alcuni preziosi mobili di antiquariato ed alla scultura “Triangolo verde” di Arnaldo Pomodoro, gli investigatori sono riusciti a recuperare opere di differente valore storico ed artistico, tra le quali spiccano per importanza e pregio la tempera su carta “La Troupe de Mademoiselle Eglantine” di Toulouse Lautrec, la tempera su carta “Volto” di Amedeo Modigliani e l’olio su tela “Piazza Italia” di Giorgio De Chirico.
L’attività svolta ha portato alla denuncia dei tre indagati, al recupero degli ulteriori assegni e, soprattutto, al recupero dell’intera refurtiva (il cui valore complessivo ammontava a circa 400.000 euro) contestualmente restituita alle case d’asta “Arcadia s.r.l.” di Roma ed “Orlando arte s.r.l.” di Brescia, precedentemente truffate.
 

e-max.it: your social media marketing partner