Rai Radio3: Maria Novella Malfatti vince la prima edizione del Concorso internazionale per giovani voci liriche ‘Voci in Barcaccia. Largo ai Giovani!’

Sono felicissima di essere qui stasera e sono ancora più felice della vittoria ottenuta. Ringrazio tutti, è stata un’esperienza meravigliosa. Ho deciso di iscrivermi al concorso perché sono una fan della Barcaccia di Radio3. E soprattutto dei conduttori, Enrico Stinchelli e Michele Suozzo. Mi sono messa alla prova mentre ero negli Stati Uniti per studiare e ho fatto del mio meglio. È stato un grandissimo onore essere giudicata da questa giuria meravigliosa. Ringrazio gli organizzatori, hanno creato un clima bellissimo”. Così dice Maria Novella Malfatti, soprano, italiana, classe 1993, che ha trionfato con l’aria “Ah! Non credea mirarti”, tratta da La Sonnambula di Vincenzo Bellini.

È lei la vincitrice del primo Concorso internazionale per giovani voci liriche ideato e promosso da Rai Radio3: Voci in Barcaccia. Largo ai giovani! Si tratta del primo concorso dopo lo storico Premio Callas organizzato dalla Rai negli anni Ottanta. In questi sette mesi sono stati ospitati giurati molto prestigiosi, dal soprano Raina Kabaivanska al tenore Luciano Ganci, al pianista Roberto Cominati e molti altri.

È stata un’operazione che ha avuto da una parte un grande successo, dall’altra dà speranza e futuro ai giovani talenti: questo è proprio il senso del servizio pubblico della Rai” – ha detto Francesco Giambrone, Sovrintendente del Teatro dell’Opera di Roma, uno dei giurati della finale. “Io che considero sempre che i Teatri d’Opera, nonostante siano privati, rendano un servizio pubblico, non posso non trovarmi d’accordo con il direttore di Radio3 Andrea Montanari, che ha ideato questo concorso nello spirito del servizio pubblico. I rapporti già esistenti tra Radio3 e il Teatro dell’Opera saranno ulteriormente potenziati nei prossimi anni anche a partire da operazioni come questa”.

Il concorso ha visto esibirsi sul palco della storica Sala A di Via Asiago a Roma trentasei concorrenti venuti da tutto il mondo, selezionati tra centinaia di domande arrivate. Il primo appuntamento è stato a dicembre 2021 e ogni mese un contest, trasmesso in diretta in prima serata da Rai Radio3, con sei concorrenti a serata, ha voluto dare spazio a coloro che sono stati tra i più penalizzati negli anni della pandemia: i giovani cantanti e tutto il mondo della musica lirica.

Sono potuti tornare sul palco a esibirsi giovani voci liriche tra i 15 e i 31 anni, giudicate da giurati tra i più noti (ieri sera per la finale, oltre a Giambrone e ai conduttori Suozzo e Stinchelli, c’erano Cecilia Gasdia, sovrintendente Fondazione Arena di Verona, e Alessandro Galoppini, responsabile delle Compagnie di canto del Teatro alla Scala).

I sei finalisti che si sono esibiti ieri sera, oltre alla vincitrice Maria Novella Malfatti, sono: Alessandro Fiocchetti, tenore italiano del 1990; Goar Faradzhiam, soprano del 1996 che viene dall’Armenia; Golda Zahra soprano statunitense, del 1999; il mezzosoprano polacco Magdalena Urbanowicz, 1990; e infine il soprano Ronja Johanna Weyhenmeyer, tedesca nata nel 1991.