Frascati - Primo giorno di scuola, il Sindaco Mastrosanti: «Un ulteriore passo avanti verso il ritorno alla normalità».

Riaprono le scuole a Frascati. Nella mattinata di oggi il Sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti e la Consigliera delegata alla Scuola Olga Masi hanno visitato i plessi scolastici del centro e della periferia dell’Istituto Comprensivo Frascati 1 e dell’Istituto Comprensivo di Frascati, per portare i saluti dell’Amministrazione comunale e della Città ai tanti giovani studenti che finalmente tornano sui banchi di scuola. Nei prossimi giorni il Sindaco Mastrosanti e la Consigliera Masi si recheranno in visita anche alle scuole superiori del territorio.

Purtroppo, non tutti gli studenti hanno potuto riprendere le lezioni. La scuola di via Massimo D’Azeglio (ex Nazario Sauro) è stata infatti chiusa per via di un docente entrato in contatto con un covid positivo e che fino al giorno prima aveva lavorato insieme ai colleghi e al personale non docente. Si attendono quindi le comunicazioni da parte dell’Istituto Comprensivo di Frascati e delle autorità sanitarie preposte per procedere alla riapertura del plesso scolastico.

«Con l’apertura del nuovo anno scolastico tutti noi facciamo un ulteriore passo in avanti per tornare alla normalità - dichiara il Sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti -. Quest’anno l’apertura ha una valenza simbolica, perché è fondamentale per gli studenti, che possono tornare a socializzare con i loro compagni e avere un contatto diretto con le insegnanti. È importante soprattutto per le famiglie che possono gestire meglio gli impegni lavorativi. Molto è stato fatto in queste passate settimane e per questo voglio ringraziare l’Assessore ai Lavori Pubblici Gelindo Forlini, l’Assessore ai Servizi Sociali Alessia De Carli, la Consigliera delegata alla Scuola Olga Masi, la Delegata ai Centri Anziani Mirella Pinori e tutti gli Amministratori che si sono impegnati in questi giorni, per garantire la ripresa delle attività scolastiche. Ringrazio anche i Dirigenti, gli Uffici comunali e l’Azienda Speciale STS per l’impegno e la professionalità dimostrati. Certo non tutto è risolto - continua il Sindaco Mastrosanti -. Siamo pur sempre in una situazione di emergenza. Per questo chiedo a tutte le famiglie, i presidi, il personale docente e non docente di avere pazienza e di affrontare tutti insieme le difficoltà del momento e quelle che potrebbero presentarsi in futuro. Siamo in una fase molto delicata che va gestita al meglio con il contributo di tutti, anche delle opposizioni».

«Il mio pensiero va a tutti gli studenti, alle loro famiglie, ai docenti, al personale scolastico e ai dirigenti - dichiara la Consigliera delegata alla Scuola Olga Masi -. È con particolare affetto che a nome dell’Amministrazione comunale voglio augurare a tutti loro buon anno scolastico. Tutti insieme vivranno la grande avventura dell’educazione e della formazione, che quest’anno ha una valenza ancora più importante, perché è l’auspicio di poterci riprendere quegli spazi di libertà che covid-19 ci aveva tolto. Mi auguro che tutti possano vivere questo inizio scolastico con la consapevolezza che l’Amministrazione comunale farà tutto il necessario per garantire la ripresa in sicurezza delle attività».

È stato un lavoro intenso quello che abbiamo svolto in questi due ultimi mesi, incontrando i presidi e cercando di risolvere i problemi organizzativi che il rispetto necessario e doveroso delle linee guida del Governo ci ha posto di fronte. Abbiamo realizzato tutte le opere concordate con i presidi, ai quali va tutta la nostra comprensione per come hanno affrontato il lavoro. È chiaro che sarà un anno scolastico molto particolare che comporterà una serie di aggiustamenti in corso perché ci troviamo di fronte ad una situazione straordinaria, inaspettata e mai vissuta prima da nessuno di noi. Credo che sia fondamentale rimanere lucidi per trasmettere calma e tranquillità ai nostri studenti. L’Amministrazione è a disposizione di tutti e stiamo già lavorando per migliorare quanto è stato fatto. Auguro a tutti buon anno scolastico».