Cinghiali: al Lago di Castel Gandolfo recintata l’area del sentiero Natura 2000

Comune di Castel Gandolfo e Parco dei Castelli Romani al lavoro per la sicurezza di cittadini e la tutela della fauna

Dalla giornata di domani, sabato 20 febbraio 2021, verranno poste delle transenne a ridosso del sentiero Natura 2000 che si trova sulla spiaggia del Lago di Castel Gandolfo per delimitare la zona dove attualmente si trova una femmina di cinghiale con i propri cuccioli.

Il transennamento permetterà, anche tramite l'affissione di cartelli di allerta, di non far avvicinare o accedere le persone all'area interessata mantenendo in sicurezza la zona sia per cittadini e sia per gli animali. Anche a seguito dei fatti accaduti nei giorni scorsi e delle notizie di cronaca a volte non precise che si sono succedute creando un possibile allarme. 

Il Comune di Castel Gandolfo, il Parco dei Castelli Romani e la Polizia Locale, anche con il supporto dei volontari della Protezione Civile Comunale e dei Guardiaparcoin continuano a monitorare la situazione per intraprendere le azioni più idonee nel trovare una soluzione senza causare danni o paura incontrollata. 

Per tutte le indicazioni su come comportarsi in caso di presenza di fauna selvatica, rimandiamo al vademecum del Parco dei Castelli Romani: 

1. Documentarsi. “Le precauzioni non sono mai troppe. Meglio documentarsi sulla zona che si decide di visitare. Se ci sono boschi di quercia o faggete è probabile che ci siano cinghiali nei dintorni perché vanno ghiotti di ghiande”.

2. Osservare. “È molto importante stare attenti ai segnali del terreno. Le grufolate, ossia i segni che lasciando i cinghiali scavando col grugno nel terreno, sono riconoscibilissime”.

3. Ascoltare. “Il cinghiale si muove in branco ed è piuttosto rumoroso. Preferisce muoversi all'imbrunire o di notte, quindi fondamentale è sapere che aggirarsi al buio è più pericoloso”.

4. Mantenere la calma. “Se si è coinvolti in un incontro ravvicinato, la prima regola è mantenere la calma. Scappare è inutile, i cinghiali corrono più veloci di noi”.

5. Fare rumore. “Fare rumore per spaventare gli animali, i cinghiali tendono a essere paurosi e a scappare”.

6. Tenere il cane al guinzaglio. “Se si è in compagnia del proprio cane, fare molta attenzione. I cinghiali lo riconoscono come un predatore minaccioso, perché lo associano al lupo o ai cani dei cacciatori, e in un ipotetico scontro ad avere la peggio sarebbe il cane. In ogni caso, nei boschi il cane va sempre tenuto al guinzaglio, rispettando, in tal modo, le disposizioni di legge”.